Filastrocca di casa mia

INTRODUZIONE ALLA FILASTROCCA

La filastrocca è una forma poetica antichissima che rappresenta un importante mezzo comunicativo e di condivisione con i bambini. Attraverso un semplice linguaggio ritmato e musicale infatti riusciamo a trasmettere ai più piccoli messaggi di vita e valori e universali.
Come ci insegna F. Fornari (psicoanalista, psicologo, saggista e accademico italiano) nelle filastrocche si trovano tracce di un imprinting uditivo che risale alle sonorità prenatali, a quel bagno di suoni in cui il feto si trova immerso durante i 9 mesi che precedono e preparano la nascita. La filastrocca anche quando è priva di un significato esplicito, è ricca di senso musicale costituito da un gioco di omofonia e specularità ritmica attraverso cui il bambino può recuperare l’unità originaria, il paradiso perduto della simbiosi con la madre.
Le filastrocche sollecitano la fantasia e la creatività e possiedono un’intrinseca capacità di facilitare l’apprendimento mnemonico, linguistico e logico, stimolare il movimento, facilitare l’apprendimento di nuovi concetti, aiutare nella prevenzione della dislessia e disortografia.

Le tematiche di questa filastrocca composta per voi, sono diverse tra le quali: La sinestesia, i cinque sensi, i rituali quotidiani\le fasi della giornata, suggerimenti di attività condivise per genitori, la musica come ponte che avvicina nella lontananza, l’importanza del sogno e della capacità immaginativa nei bambini, la gestualità e il contatto come canali comunicativi imprescindibili.


Suggerimenti: con il tuo bambino questa filastrocca la puoi mimare, cantare, accompagnare con il movimento prendendovi per le mani o battendole…poi potreste anche provare ad inventarne una vostra o cantare al tuo bambino le filastrocche della tua infanzia…

FILASTROCCA DI CASA MIA

di Saffo Fontana

Quando al mattino canta il gallo
Apro gli occhietti e mi sento giallo
Ho tanto tempo e l’oro in bocca
E una manina che tutto tocca

Prendi la palla fai rimbalzare
Dai tieni il ritmo non ti fermare
La palla è liscia il suono è tondo
Un girotondo in torno al mondo

Stingimi forte stringi le mani
Siamo vicini anche lontani
E senti un fuoco caldo nel cuore
È tutto rosso come l’amore

Fai tante corse salta su e giù
Io mi nascondo faccio cucù
Il tempo passa e fa tic tac
Già mezzogiorno or di mangiar

Tanti colori puoi assaggiare
Tanti sapori son da gustare
Ho tanta sete bevo glu glu
Io mi rinfresco e son tutto blu

Se sono stanco nel mio lettino
Leggo un bel libro e un bel riposino
Quando mi sveglio posso aiutare
La mia mammina a cucinare

Posso sentire che c’è una festa
Piatti e bicchieri come un’ orchestra
Posso cantare e mescolare
Posso assaggiare ed impastare

E poi bisogna apparecchiare
E tutti insieme si può cenare
Alla finestra il sole è già sceso
Un panno di stelle la notte ha steso

Io vado a letto piano pianino
Prima però...lo spazzolino
Sogno farfalle di tanti colori
Saltan qua e la sembrano fiori

E mille uccelli azzurro cielo
Sono leggeri come un bel velo
Se faccio un sogno non tanto bello
È tutto nero mi serve un pennello

D’arcobaleno per cancellare
Tutte le cose che voglio cambiare
E in un baleno è già mattino
Un foglio bianco per me bambino